Con questo progetto ASCI don Guanella ONLUS, insieme alla comunità dei Servi della Carità di Madurai ha  deciso di testimoniare l’identità guanelliana  realizzando in questo territorio una piccola tenda della carità, quale primo rifugio per persone senza fissa dimora, sole e abbandonate,  alla ricerca di un luogo dove trovare un alloggio sicuro, anche se provvisorio,  avere un piatto caldo da mangiare,  fare una doccia, dove poter lenire  ferite e piaghe, dove trovare il conforto umano e spirituale di una voce amica.

Madurai, in India, una città situata sulle sponde del fiume Vaigai, a circa 130 chilometri dalle coste del golfo del Bengala, esiste e si sta sempre più estendendo il fenomeno delle persone  senza fissa dimora.

Attività:

  • Realizzare, prima di tutto, un’amplia Tenda della Carità, alla cui ombra possano essere accolte queste persone senza fissa dimora;
  • Ampliare il piccolo locale esistente, soprattutto per potenziare i servizi igienici e sanitari, il punto di ristoro, la possibilità di accogliere qualcuno anche di notte.
  • Fornire alimenti, inizialmente con pasti caldi 3 volte alla settimana, mentre  tè e snack saranno dati tutti i giorni.
  • Usare servizi igienici e bagni.
  • Impegnare il tempo libero,  giocando a carambola e/o a scacchi, guardando la televisione, leggendo giornali e riviste.
  • Programmare una serie di prestazioni sanitarie, con dei controlli mensili, fitoterapia per chi ne avesse bisogno, educazione alla salute, all’igiene,  all’alimentazione
  • Offrire, in caso di necessità, un alloggio sicuro e separato per uomini e  donne, anche se provvisorio.
  • Sostenere psicologicamente e moralmente chi bussa alla Tenda della Carità.

Il progetto al momento prevede:

  1. offrendo uno spazio dove “sentirsi”  accolti, ascoltati, protetti, nutriti;
  2. iniziando la realizzazione di un gazebo – tenda con tetto di lamiera dove ripararsi dalla calura o dalla pioggia, dove ricevere attenzione, dove potersi lavare e vestire; dove ricevere il cibo che la Provvidenza mette a disposizione e le prime essenziali cure igienico/sanitarie (Pronto soccorso, pulizie…..).
  3. partendo con un servizio diurno (Day care) non disponendo in questo momento né di strutture né di personale per un programma e un’opportunità residenziale.

 

PER SOSTENERE IL PROGETTO DONA ORA